linux/hub linux/hub
cerca

+ contenuti

Lo sapevi che puoi trovare tanti altri contenuti sul nostro feed Telegram?

#howto - Creare un file yaml per docker

Scritto da il
bash
ubuntu
fedora
archlinux
docker

Se volessimo creare un’applicazione multiservizio tramite docker, in nostro aiuto ci viene incontro il file docker-compose.yml.

Prerequisiti

Sono gia’ stati fatti due articoli riguardanti Docker nel quale viene spiegato cos’è, come installarlo e come usarlo, che sarebbe necessario visionare prima di procedere con l’articolo:

Introduzione

Docker permette di creare un ed eseguire applicazioni multicontainer attraverso un file YAML, un tipo di file human-readable utilizzato solitamente come file di configurazione. Per fare ciò dobbiamo creare un file denominato docker-compose.yml nel quale andremo ad inserire tutte le nostre configurazioni di ogni singolo servizio che andremo ad aggiungere all’interno del file. Una volta configurato il file, andrà “composto” attraverso un comando docker-compose up, e se tutto è andato per il verso giusto avremo funzionanti i container dei servizi che abbiamo inserito e configurato nel nostro file .yml. Ma andiamo con ordine.

Installazione

Per poter eseguire i file docker-compose.yml dobbiamo installare un pacchetto aggiuntivo:

Ubuntu:

apt install docker-compose

Fedora:

dnf install docker-compose

Archlinux:

pacman -S install docker-compose

Utilizzo

Ora sulla nostra macchina abbiamo docker-compose che ci permette di gestire i file docker-compose.yml ma vediamo nel dettaglio alcuni comandi che possono tornarci utili:

  • docker-compose up “comporrà” la nostra applicazione multicontainer ed eseguirà tutti i servizi in base alle configurazioni da noi scelte.
  • docker-compose down “decompone” tutte le configurazioni dell’applicazione e ferma l’esecuzione di tutti i container creati tramite quel file .yml.
  • docker-compose logs <nome servizio> Mostra i log del servizio specificato all’interno del container.
  • docker-compose start esegue i container dei servizi specificati nel .yml.
  • docker-compose stop ferma l’esecuzione dei container dei servizi specificati nel .yml.
  • docker-compose restart fa ripartire i container che non sono in esecuzione dei servizi specificati nel .yml.
  • docker-compose rm rimuove i container non in esecuzione dei servizi specificati nel .yml.

Tutti questi comandi devono essere eseguiti nella stessa cartella in cui si trova il nostro file docker-compose.yml infatti proprio come per il Dockerfile il file non va specificato ma sarà il comando a trovare il file che serve nel PATH in cui ci troviamo. Anche il file .yml dovrà essere chiamato obbligatoriamente docker-compose.yml in quanto il docker-compose di default non riconosce altri nomi.

Esempio

Ora che abbiamo un idea generale dei comandi principali proviamo a creare un’applicazione LAMP (Linux, Apache, Mysql/Mariadb, Php) tramite Docker e il docker-compose.yml.

services:
    php:
        image: php
        container_name: linuxhub_php
        restart: always
    
    apache:
        image: httpd
        container_name: linuxhub_apache
        restart: always
        ports:
            - 8080:80
        
    mariadb:
        image: mariadb
        container_name: linuxhub_mariadb
        restart: always
        environment: 
            MYSQL_ROOT_PASSWORD: ChangePassword
            MYSQL_USER: linuxhub
            MYSQL_PASSWORD: ChangePassword
            MYSQL_DATABASE: linuxhub_db
        ports:
            - 3306:3306
            
    phpmyadmin:
        image: phpmyadmin
        container_name: linuxhub_phpmyadmin
        restart: always
        links:
            - mariadb
        environment: 
            PMA_HOST: mariadb
            PMA_PORT: 3306
            PMA_USER: linuxhub
            PMA_PASSWORD: ChangePassword
        ports:
            - 8081:80   

Queste 40 righe possono sembrare confusionarie ad una prima occhiata, tuttavia vediamo cosa fanno esattamente.

I file YAML sono TAB/SPACE-sensitive ovvero la gerarchia e l’indentazione del codice e gestita dai TAB/SPACE perciò quando scrivete dei file YAML state attenti alle tabulazioni e gli spazi che mettete perché in caso di errore il file yaml o fa cose che non dovrebbe fare oppure restituisce un errore di sintassi un po come succede con Python quando indentate male. Detto questo possiamo iniziare a commentare il codice:

  • services: all’interno di questo tag inseriamo tutti quelli che sono i nostri servizi.
    • php, httpd, mariadb, e phpmyadmin: sono i nomi opzionali che diamo ai servizi.
      • image: questo tag definisce quale immagine dobbiamo scaricare dai repository di docker.
      • container_name: questo tag è opzionale e serve per dare un nome al container che si andrà a creare.
      • restart: questo tag serve per dire a docker se riavviare i container in caso si fermassero, questo è utile per tenere i nostri servizi sempre accesi anche spegnamo e riaccendiamo la nostra macchina.
      • ports: specifica le porte di esterne:interne che il servizio e quindi il container userà.
      • environment: vengono specificate le variabili d’ambiente di ogni servizio (se le ha e se è possibile settarle).
      • links: collega due container permettendogli di “vedersi” sul localhost invece che sulla sottorete di docker.

Andando un po’ più nello specifico su mariadb nella parte di environment ho specificato la password di ROOT, l’utente, la password dell’utente e il nome del database da creare all’interno del container mentre su phpmyadmin le variabili d’ambiente inserite sono state l’host in cui si trova il database, ed in questo caso il nome che abbiamo scelto di dare al servizio del database (mariadb), questo è stato possibile perché il servizio mariadb è stato collegato attraverso il tag links al servizio di phpmyadmin, poi la porta in ascolto del database, il nome utente e la password per l’accesso a phpmyadmin.

Nel tag ports alcune porte sono state mappate in modo tale da essere accessibili dall’esterno da porte diverse da quelle che di solito sono default, questo viene fatto perché ad esempio potremmo avere più applicazioni diverse che però hanno alcuni servizi in comune e quindi le stesse porte e per evitare conflitti vengono mappate le porte esterne su porte diverse da quelle di default.

Bene detto ciò ora ci manca solo comporre il nostro file:

docker-compose up

che se tutto è andato a buon fine dovrebbe restituirci un messaggio così

Starting linuxhub_php     ... done
Starting linuxhub_mariadb ... done
Starting linuxhub_apache  ... done
Starting linuxhub_phpmyadmin ... done

e se eseguiamo il comando:

docker ps 

dovremmo ricevere come output questo:

CONTAINER ID   IMAGE        COMMAND                  CREATED         STATUS                         PORTS                                       NAMES
6590dcdc6e5d   phpmyadmin   "/docker-entrypoint.…"   7 seconds ago   Up 6 seconds                   0.0.0.0:8081->80/tcp, :::8081->80/tcp       linuxhub_phpmyadmin
ea802686024f   httpd        "httpd-foreground"       8 seconds ago   Up 7 seconds                   0.0.0.0:8080->80/tcp, :::8080->80/tcp       linuxhub_apache
d22b12a7d73c   mariadb      "docker-entrypoint.s…"   8 seconds ago   Up 7 seconds                   0.0.0.0:3306->3306/tcp, :::3306->3306/tcp   linuxhub_mariadb
017698cede9e   php          "docker-php-entrypoi…"   8 seconds ago   Restarting (0) 2 seconds ago                                               linuxhub_php

Se adesso proviamo ad accedere a localhost:8080 dovremmo vedere il il messaggio “It’s Working” di Apache mentre se andiamo su localhost:8081 riusciamo ad accedere a phpmyadmin e tra la lista dei database dovremmo vedere il database che abbiamo creato nel .yml (nel nostro caso linuxhub_db).

Per ogni dubbio, chiarimento o curiosità ci trovate al nostro gruppo Telegram.