linux/hub linux/hub
cerca

#howto - Installazione e configurazione di UEFI su Linux

Scritto da il
fedora
ubuntu
arch linux
bash
systemd

Da quando è stato introdotto, sono molti quelli che per un motivo o un altro si sono trovati spaesati di fronte alle novità del sistema Unified Extensible Firmware Interface (noto come UEFI).

In questo articolo tratteremo quali sono gli aspetti da ricordare quando si installa un qualunque sistema operativo su un PC che usa UEFI.

Il nostro PC supporta UEFI?

Le impostazioni firmware

La prima domanda da porsi è sicuramente se il proprio PC supporta o no il boot UEFI. Per scoprirlo, all'avvio del dispositivo premete (magari più volte) il tasto per entrare nelle impostazioni firmware, in genere CANC (DEL), ESC, F11 o F12.

Alternativamente, se avete installato Windows potete farlo da Impostazioni → Aggiornamento e Sicurezza → Ripristino → Riavvia Ora (sotto Avvio Automatico). Nella schermata blu che vi uscirà dovreste trovare Risoluzione dei problemi → Opzioni avanzate e quindi impostazioni firmware UEFI.

Se invece siete da Linux potete usare da terminare il comando:

systemctl reboot --firmware-setup

Una volta che avremo davanti l'interfaccia dovremo trovare un modo per verificare la modalità di boot, in genere posizionata sotto il menù Boot dove si ha una voce "UEFI/BIOS Boot Mode".

Assicuratevi che la voce non sia impostata su Legacy.

Dopo aver capito se il nostro PC usa o no UEFI, una volta inserita la pennina USB con il vostro sistema operativo potete fare il boot override scegliendo quale sistema deve partire direttamente dal menu di UEFI. Potete farlo impostando il boot order dalle impostazioni Boot, oppure fare l'override dai menu Boot, Save & Exit oppure Quick boot (dipende dal vostro pc, cercate bene).

Verificare la modalità di boot corretta dalla "live" della distro

Potete infine controllare che tutto si sia avviato nella modalità corretta direttamente dal sistema Live, accedendo al terminale e scrivendo:

test -d /sys/firmware/efi && echo "sistema EFI" || echo "Sistema BIOS, oppure avviato in modalità LEGACY"

Tipo di partizionamento del disco

É importante che il tipo di partizionamento del disco sia impostato su GPT, e non MBR.

Identificare il tipo di partizionamento del disco

Per sapere come sia formattato il nostro disco, da Linux basta digitare il comando:

fdisk -l

E cercare, sotto le informazioni del disco di interesse, la dicitura Disklabel Type. Ecco un output d'esempio:

Disk /dev/sdX: DIMENSIONE GiB, NUMERILUNGHI bytes, NUMERIMENULUNGHI sectors
Disk model: MODELLO-DISCO
Units: sectors of 1 * 512 = 512 bytes
Sector size (logical/physical): 512 bytes / 4096 bytes
I/O size (minimum/optimal): 4096 bytes / 4096 bytes
+Disklabel type: gpt
Disk identifier: NUMERO-LUNGO-MOLTO

Dispositivo     Start       Fine    Settori   Size Tipo
/dev/sdX1        2048  830880954  830878907 DIMENSIONEG TIPO_FS
/dev/sdX2  830881792 1953523711 1122641920 DIMENSIONEG TIPO_FS

NOTA:

Nell'esempio il disco è GPT

Una volta identificata l'etichetta del disco (/dev/sdX nell'esempio), possiamo anche chiedere ulteriori informazioni sulla tipologia di partizionamento in questo modo:

gdisk -l /dev/sdX -A 4 | grep 'Partition table scan'

L'output risultante dovrebbe essere simile al seguente:

Partition table scan:
  MBR: protective
  BSD: not present
  APM: not present
  GPT: present

Li dove la posizione della dicitura present indica la tipologia di disco.

E se il disco non fosse GPT?

I problemi arrivano nel caso in cui un disco non è GPT, e per dei semplici motivi. Convertire il disco potrebbe non essere la migliore delle scelte possibili, anche perchè sarebbe necessario formattarlo, e pertanto consiglio invece di copiare i dati con gparted ( o qualunque altro metodo desideriate ) su un altro disco, formattare il disco in GPT e ricopiare i dati.

Ma per i più temeriari una soluzione potrebbe essere quella di usare sgdisk.

ATTENZIONE:

La redazione di linux/hub non si assume la resposabilità di eventuali dati persi o dischi corrotti dall'esecuzione dell'istruzione che segue

Con questo comando è possibile provare a convertire la partizione desiderata da MBR a GPT, ma come già detto è piuttosto rischioso:

sgdisk -s /dev/sda

NOTA:

Dovrete reinstallare i bootloader dei sistemi operativi presenti su disco, altrimenti non partiranno.

Prerequisiti per l'avvio del sistema

Nei sistemi UEFI con dischi partizionati GPT l'avvio è supportato tramite la presenza di una partizione speciale nel sistema detta EFI System Partition (o ESP ).

Commento dell'autore:

In realtà questo rende tutto molto più comodo rispetto al sistema BIOS Legacy. L'override di UEFI legge i sistemi dalla ESP e funziona come un "bootloader" nativo. Non impazzirete più a dover reinstallare GRUB se Windows si aggiorna e il bootloader deciderà a priori quale sistema si avvia, e anche senza la necessità di avere un sistema su ogni disco.

Verificate la presenza della partizione con fdisk:

fdisk -l  | grep EFI

Nel caso in cui non fosse presente, è necessario crearla. Per fare ciò, da Linux, si possono seguire più strade.

La GUI con gparted

NOTA: Le opzioni potrebbero essere in inglese

Se non siete molto sicuri nell'utilizzo del terminale potete usare gparted, un programma con interfaccia grafica. Una volta aperto, assicuratevi di aver selezionato il disco giusto dal menu in alto a destra (/dev/sdX). Se non li avete, liberatevi 300M di spazio ridimensionando una partizione: SelezionatelaTasto destro → Ridimensiona/Sposta .

Dalla finestra che vi si apre scrivete nel campo "Spazio libero dopo(MiB)" il valore 300, premete su un altro campo a caso e in seguito si abiliterà il pulsante "Ridimensiona/Sposta" in basso a destra che dovrete premere.

Nella finestra principale adesso apparirà una nuova partizione di tipo (colonna File System) non allocato. SelezionatelaTasto destroNuova e compilate i campi come segue:

  • Nome Partizione : "EFI System Partition"
  • File System : "fat32"

Il resto dei campi lasciateli con i valori predefiniti e infine premete il tasto Aggiungi.

Cliccate l'icona in alto sotto la menubar con la spunta verde, e attendete il completamento. In seguito chiudete la finestra di sopra. Individuate la partizione appena creata, SelezionatelaTasto destroGestione flag e selezionate le caselle:

  • boot
  • esp

Quindi premete Chiudi. In questo modo avete creato la vostra partizione ESP! Segnatevi l'etichetta della partizione (/dev/sdXY, dove X è una lettera e Y un numero) perchè vi servirà in futuro.

Crearla senza GUI con parted

Innanzitutto apriamo parted sulla partizione scelta:

parted /dev/sdX

Per visualizzare la situazione attuale del disco digitiamo p quindi INVIO (per una maggiore precisione vi consiglio di abilitare MiB come unità di misura tramite unit Mib, e poi di visualizzare a schermo la tabella).

Nel caso in cui non li aveste, liberatevi 300M di spazio ridimensionando una partizione. Dopo aver selezionato quale partizione ridimensionare potete digitare:

resizepart <numero partizione>

Quindi al valore in output togliete 300MiB, scrivete il valore e digitate invio.

Segnatevi il valore appena digitato, sarà il vostro punto di inizio per la prossima partizione

Creiamo una nuova partizione:

mkpart

e inseriamo le seguenti informazioni:

  • nome = EFI System Partition
  • tipo = fat32
  • Inizio
    • Se avevate ridimensionato la partizione mettete l'ultimo valore che avete inserito
    • Se avevate già lo spazio disponibile, mettete il valore più alto della colonna "Fine"
  • Fine = Aggiungete 300 a Inizio

visualizziamo nuovamente con p la situazione corrente e quindi verifichiamo sia stata correttamente creata la partizione. In seguito cambiamo le flag:

toggle <numero partizione> esp

E infine premiamo il tasto q per uscire.

Montare e gestire ESP

Installando distribuzioni come Ubuntu o Fedora (più user-friendly e automatizzate) l'ESP e l'avvio dovrebbero essere gestiti in maniera automatica, ma assicuratevi solo di indicare la partizione appena creata. Nei sistemi invece più grezzi (vedi Arch Linux) potrebbe essere necessario indicarla manualmente.

Installare il bootloader

Per installare manualmente il bootloader dobbiamo prima montare la partizione EFI. Per fare questo possiamo digitare:

mount | grep "efi"

oppure:

mount | grep "/dev/sdXY"

Se non si è sicuri se la partizione sia già montata, assicuratevi di ciò con questo comando:

mount /dev/sdXY /boot/efi

Se la cartella di destinazione non esiste, createla:

mkdir -p /boot/efi

A questo punto potete installare il vostro bootloader. Per GRUB:

grub-install /dev/sdX
grub-mkconfig /boot/grub/grub.cfg

Per installare systemd-boot abbiamo invece una guida dedicata e più specifica.

Montaggio automatico all'avvio

Linux gestisce il mount automatizzato delle partizioni all'avvio tramite il file /etc/fstab.

ATTENZIONE:

La pena per un fstab creato male è l'impossibilità di avvio del sistema, quindi se qualcosa non dovesse andare bene e non riuscite in alcun modo a far partire il comando ripristinate assolutamente il suo vecchio valore.

Per aggiungere la partizione appena creata alla lista innanzitutto vi serve la UUID della partizione, ottenibile con:

blkid

Vi sarà restituita una lista di partizioni con le loro informazioni principali. Ogni partizione sarà simile a:

/dev/sda1: UUID="ALFA-NUMERICO" BLOCK_SIZE="512" TYPE="vfat" PARTLABEL="EFI System Partition" PARTUUID="14591492-99de-4f1b-8d2d-88595526b0dc"

Cercate quella che porta come PARTLABEL il valore EFI System Partition e ricopiatevi il valore di UUID.

Dopo andrete ad aggiungere al file /etc/fstab una riga come segue:

UUID=VALORE-COPIATO /boot/efi vfat defaults 0 0

e per testare che la riga sia stata inserita correttamente, assicuratevi che la ESP non sia montata:

umount /boot/efi

Infine utilizzate questo comando per montarla:

mount -a

Se non ci sono errori potrete dormire sogni tranquilli, altrimenti eliminate la riga o correggetela. A quel punto, potete installare la distribuzione di vostra scelta come previsto dalla sua documentazione senza più preoccuparvi della parte del bootloader.

Per maggiori informazioni, dubbi e chiarimenti, non esitate a fare domande sul nostro gruppo Telegram.

Leggi anche

Caricamento..