linux/hub linux/hub
cerca

#howto - Installazione e configurazione di systemd-boot

Scritto da il
bash
systemd

Systemd-boot è un bootloader per sistemi EFI. A differenza di GRUB lavora solo sulla ESP (EFI System Partition) del disco su cui è installato, dove dovrà essere presente anche il kernel e file di configurazione del bootloader.

Installazione

In questa parte vedremo come installare systemd-boot: la procedura è simile per tutte le distro, ma l'unico accorgimento che è necessario fare riguarda la posizione dell'ESP e il procedimento di installazione del kernel, che a volte può variare da sistema a sistema.

Il programma per la gestione di systemd-boot è [bootctl] (https://www.freedesktop.org/software/systemd/man/bootctl.html), che dovrà essere utilizzato sia per installare il bootloader che per visualizzare la configurazione attuale. Su una ESP possibilmente vuota, eseguiamo il seguente comando come amministratore, presupponendo che l'ESP sia montata su /boot:

bootctl --path=/boot install

Aggiornamento

Quando necessario, possiamo aggiornare tramite l'opzione update:

bootctl update

Per assicurarci che systemd-boot sia stato installato correttamente, diamo questo comando:

bootctl is-installed

Se l'esito sarà positivo sarà possibile installare linux dal nostro package manager preferito. Per sicurezza, controllare nella ESP di avere vmlinuz-linux.

Configurazione

A differenza di GRUB, sytemd-boot non fornisce una configurazione completa di default, e pertanto toccherà a noi impostare il tutto a dovere. In seguito all'installazione, con il comando ls eseguito nella ESP dovremo trovare le seguenti cartelle:

  • loader con al suo interno loader.conf per la configurazione del bootloader;
  • loader/entries;
  • In EFI dovranno esserci systemd con al suo interno _systemdbootx64.efi e boot con al suo interno bootx64.efi;

I file che interessano a noi sono loader/loader.conf e i file di configurazione che andranno messi dentro loader/entries.

Configurare il loader

Per prima cosa apriamo loader/loader.conf come amministratori con il nostro editor di testo preferito. La configurazione di default a noi non interessa, cancelliamola e riscriviamola in questo modo:

default  distro.conf
timeout  10
console-mode max

Ora vediamo ogni parametro a cosa serve:

  • default: definisce la entry di default, in questo caso distro.conf;
  • timeout: il tempo tra la comparsa del menu e l'avvio automatico della entry default;
  • console-max: dimensione degli elementi del menu, noi usiamo max, sconsigliato in caso di display HiDPI;

Ora salviamo il file e chiudiamolo.

Configurare una entry

Ora passiamo ai file dentro loader/entries, dove dovranno trovarsi le configurazioni delle singole boot entries. Apriamo la cartella e dentro creiamo il file distro.conf, dove andremo a scrivere:

title      Nome Distribuzione
linux   /vmlinuz-linux
initrd  /initramfs-linux.img
options root=PARTUUID=part_uuid_root rw quiet

Al posto di _part_uuidroot dovremo mettere il PARTUUID della nostra root, individuabile con blkid. initramfs-linux.img non è obbligatorio, e varia da distribuzione a distribuzione.

Ora possiamo riavviare, e se tutto è andato liscio dovremmo trovarci di fronte al menù di systemd-boot che dovrebbe di seguito avviare l'entry da noi scelta.

Per maggiori informazioni, non esitate a fare domande sul nostro gruppo Telegram.

Leggi anche

Caricamento..