linux/hub
cerca

#howto - Sincronizzazione di OneDrive sulle principali distribuzioni Linux

Scritto da il
centos
fedora
ubuntu
github

In questa guida vediamo come utilizzare e sincronizzare OneDrive sulle principali distribuzioni Linux, tramite uno strumento gratuito sviluppato in D.

 Dipendenze

Prima di procedere all'installazione del client, andiamo a scaricare alcune dipendenze necessarie per un corretto funzionamento:

 Ubuntu e derivate:

apt install libcurl4-openssl-dev git
apt install libsqlite3-dev
wget http://master.dl.sourceforge.net/project/d-apt/files/d-apt.list -O /etc/apt/sources.list.d/d-apt.list

Dopo aver aggiunto la repository, modifichiamola con il nostro editor di testo preferito (in questo caso nano):

nano /etc/apt/sources.list.d/d-apt.list

e subito dopo il deb aggiungiamo:

[trusted=yes]

Il risultato completo dovrebbe essere simile al seguente:

deb [trusted=yes] https://netcologne.dl.sourceforge.net/project/d-apt/ d-apt main

Salviamo e chiudiamo il file, ed una volta fatto ciò possiamo andare avanti con l'installazione. Ora, è necessario installare il compilatore di D:

Ubuntu e derivate:

apt-get update && apt-get -y install  d-apt-keyring
apt-get update && apt-get install dmd-compiler dub

 Arch e derivate:

pacman -S curl sqlite dlang git

 Fedora, RHEL e CentOS:

yum install libcurl-devel git
yum install sqlite-devel
curl -fsS https://dlang.org/install.sh | bash -s dmd

 Compilazione di OneDrive

Ora che abbiamo scaricato e installato le dipendenze possiamo passare all'installazione del client vera e propria. Cloniamo la repo da GitHub e compiliamola con make:

git clone https://github.com/skilion/onedrive.git
cd oneDrive
make
sudo make install

 Configurazione di OneDrive

Dopo aver installato corretamente il client di OneDrive è necessario creare un file di configurazione. Per prima cosa, creiamo una cartella dedicata e copiamo al suo interno la configurazione di default:

mkdir -p ~/.config/onedrive
cp ~/onedrive/config ~/.config/onedrive/config

Per modificare quella corretta digitiamo:

nano .config/onedrive/config

Una volta fatte le nostre modifiche possiamo salvare e eseguire OneDrive tramite il comando dedicato:

onedrive

La prima volta che si avvierà il programma vi sarà richiesto di effettuare il login: una volta che l'accesso è stato confermato vi sarà fornito un link da copiare ed incollare nel terminale.

Per mantenere attivo il client di OneDrive in background ed avviarlo automaticamente al boot del sistema utilizziamo systemctl:

systemctl --user enable onedrive
systemctl --user start onedrive

Per maggiori informazioni, non esitate a fare domande sul nostro gruppo Telegram.