linux/hub linux/hub
cerca

#howto - Installazione e configurazione di Redis Server su CentOS 8 e derivate

Scritto da il
centos
bash
systemd

Redis è un programma archivio chiave-valore in memoria gratuito e open source che supporta diversi tipi di strutture dati. Può essere utilizzato come database, come cache oppure molto altro ancora. Spesso viene utilizzato per creare applicazioni scalabili e che hanno bisogno di una grande performance.

In questa guida vedremo come installare Redis Server su CentOS 8 e distribuzioni derivate.

Installazione di Redis Server

Il pacchetto Redis è disponibile nel repository predefinito di CentOS 8, ed è possibile installarlo tramite dnf:

dnf install redis

Dopo averlo installato, avviamolo e facciamo in modo che venga eseguito all'avvio del sistema, questo via systemctl:

systemctl start redis
systemctl enable redis

Possiamo verificarne l'effettiva esecuzione con l'opzione status:

systemctl status redis

il quale dovrà ritornare un output simile al seguente:

   Loaded: loaded (/usr/lib/systemd/system/redis.service; disabled; vendor preset: disabled)
  Drop-In: /etc/systemd/system/redis.service.d
           ??limit.conf
   Active: active (running) since Mon 2020-10-19 11:28:27 CEST; 6s ago

 Main PID: 3712 (redis-server)

    Tasks: 4 (limit: 12527)
   Memory: 12.47M

   CGroup: /system.slice/redis.service
           ??3712 /usr/bin/redis-server 127.0.0.1:6379


Oct 19 11:28:27 centos8 systemd[1]: Starting Redis persistent key-value database...

Oct 19 11:28:27 centos8 systemd[1]: Started Redis persistent key-value database.

Eseguiamo redis-cli per verificare che sia effettivamente disponibile:

redis-cli

nella console che ci si presenta, digitiamo ping per verificarne la connettività:

127.0.0.1:6379> ping

nel caso fosse tutto configurato correttamente, l'esito sarà il seguente:

PONG

Configurazione di Redis Cache

Una volta installato Redis dovremo configurarlo per fare in modo che funga da servizio di caching. Per fare ciò, apriamo il file di configurazione con un qualsiasi editor di testo:

nano /etc/redis.conf

e alla fine aggiungiamo le seguenti righe:

maxmemory 128mb
maxmemory-policy allkeys-lru

Il valore di maxmemory indica la memoria che Redis deve utilizzare, mentre il valore di maxmemory-policy, in questo caso allkeys-lru, specifica che cosa deve fare il programma una volta raggiunta la memoria massima allocata. Con allkeys-lru, ad esempio, diciamo a Redis di eliminare le chiavi provando a rimuovere prima le chiavi usate meno di recente (LRU), in modo da fare spazio per i nuovi dati aggiunti.

Una volta modificato il file, riavviamo il servizio:

systemctl restart redis

Sicurezza di Redis

Come standard, redis-cli consente di eseguire qualsiasi comando all'interno della shell, e per questo motivo sarebbe necessario proteggere la shell utilizzando una password. Modificando il file di configurazione di Redis:

nano /etc/redis.conf

cerchiamo la seguente riga:

# requirepass foobared

togliamo il commento e cambiamo la password in una sicura e di nostra preferenza:

requirepass password

e riavviamo il servizio:

systemctl restart redis

In questo modo, provando ad eseguire un comando come:

127.0.0.1:6379> INFO server

dovremmo ricevere un messaggio che ci bloccherà l'accesso. Per accedere con la nostra password dovremo invece scrivere nella shell di Redis:

127.0.1:6379> AUTH password

Comandi pericolosi

È buona norma, in realtà, rinominare alcuni comandi pericolosi all'interno della shell di Redis, come "config", che, se eseguiti, possono fornire dati sensibili che magari uno preferisce nascondere.

Per rinominare il comando config, con cui si può recuperare la password in questo modo:

127.0.0.1:6379> config get requirepass

andiamo a modificare il file di configurazione di Redis:

nano /etc/redis.conf

cerchiamo la seguente riga:

# rename-command CONFIG b840fc02d524045429941cc15f59e41cb7be6c52

e al posto della lunga stringa dopo config inseriamo un valore a nostro piacere:

rename-command CONFIG nuovo_comando_config

Fatto ciò riavviamo Redis:

systemctl restart redis

e proviamo a rieseguire il comando config con i parametri get e requirepass:

127.0.0.1:6379> config get requirepass

Se tutto ha funzionato a dovere, si dovrebbe ottenere un errore come il seguente:

(error) ERR unknown command `config`, with args beginning with: `get`, `requirepass`,

Sostituendo "config" con il comando da noi dato nel file di configurazione:

127.0.0.1:6379> nuovo_comando_config get requirepass

dovremmo riuscire ad ottenere la nostra password.

Per ogni dubbio, chiarimento o curiosità ci trovate al nostro gruppo Telegram.

Leggi anche

Caricamento..