#howto - Installazione ed utilizzo di Snap

Scritto da il
archlinux
bash

Le snap sono pacchetti di app per desktop, cloud e IoT facili da installare, sicuri, multipiattaforma e privi di dipendenze, queste vengono infatti pacchettizzate assieme al software, per tanto non è necessario installarle a parte.

Si tratta di un progetto Open source, ideato, sviluppato e mantenuto da Canonical Ltd., è inoltre il formato pacchetto di sistema su Ubuntu.

Sei interessato ai pacchetti containerizzati? Dai un’occhiata anche alla nostra guida su Flatpak.

Installazione

Il pacchetto viene chiamato snapd su quasi tutte le distribuzioni Linux. Di seguito vediamo come installarlo sulle principali.

Arch Linux

Troviamo il pacchetto nella repository AUR, possiamo procedere tramite un AUR Helper o manualmente:

git clone https://aur.archlinux.org/snapd.git
cd snapd
makepkg -si

Debian/Ubuntu e derivate

Da Ubuntu 19.04, snap è preinstallato nel sistema. Per distribuzioni che si basano su Ubuntu come Pop OS ed elementary OS ma anche Debian 10 e derivate (come Raspberry Pi OS), il pacchetto è presente nelle repository di sistema:

apt install snapd

Fedora e derivate

Da Fedora 32, snapd è presente nelle repository di sistema, procdiamo quindi via gestore pacchetti dnf:

dnf install snapd

Centos/RHEL 8

Troviamo snapd nelle repository EPEL (Extra Packages for Enterprise Linux ), la procedura è la stessa sia per Centos 8 che RHEL 8, aggiungiamo quindi la repository:

dnf install epel-release
dnf upgrade

Installiamo quindi il pacchetto:

dnf install snapd

openSUSE

Come per Centos e RHEL, dobbiamo aggiungere una repository, in questo caso tramite zypper:

zypper addrepo --refresh https://download.opensuse.org/repositories/system:/snappy/openSUSE_Leap_15.2 snappy

ed importiamo la chiave GPG della repository:

zypper --gpg-auto-import-keys refres

infine includiamo la nuova repository:

zypper install snapd

quindi installiamo il pacchetto snapd:

zypper dup --from snappy

Configurazione

Una volta installato, dobbiamo abilitare il servizio via systemctl:

systemctl enable --now snapd.socket

assicurandoci che questo venga eseguito all’avvio.

Dobbiamo inoltre creare un link simbolico per di /var/lib/snapd/snap verso /snap:

ln -s /var/lib/snapd/snap /snap

questo serve ad abilitare il supporto classic di snap, ossia il supporto ai pacchetti che utilizzano il vecchio formato snap.

Utilizzo

Tutti i pacchetti sono presenti nella repository Snapcraft, scegliamo il pacchetto dalla lista e installiamolo tramite commando snap con l’opzione install. Ad esempio per Teelgra:

snap install telegram-desktop

Per i pacchetti che utilizzano il vecchio formato classic, dobbiamo indicarlo con l’opzione --classic, ad esempio per VS Codium:

snap install codium --classic
history Revisioni