linux/hub linux/hub
cerca

#howto - Installazione di Drupal 9 su CentOS/RHEL 8 con Nginx e OPCache

Scritto da il
centos
fedora
nginx
apache
php
rhel
bash

Drupal è un potente CMS Open source, noto per la sua estensibilità, compatibilità ed il basso consumo di risorse.

Si tratta di un'applicazione sviluppata in PHP e JavaScript, sviluppata, mantenuta e distribuita dalla Comunità di Drupal. In questa guida vedremo come installare la versione 9 di Drupal su CentOS o RHEL 8.

Questa guida è l'aggiornamento della precedente per CentOS 7.

La nostra installazione si avvarrà di OPCache, un'estensione che ottimizza ed incrementa le prestazioni di Drupal in esecuzione con PHP.

Requisiti

In questa guida tratteremo l'installazione di Drupal 9. Questa versione ha requisiti differenti dalla 8 ed è indispensabile soddisfarli a pieno per procedere ed utilizzare il software senza intoppi.

  • Un Web server (Nginx 1.9+ o Apache 2.4.7+), useremo Nginx in questa guida
  • PHP (7.3+/8)
  • Un Database server MySQL (MySQL 5.7.8+ o MariaDB 10.3+), ma sono supportati (ma non citati in questa guida) anche:
    • MySQL (Percona) 5.7.8+
    • SQLite (3.6.8+)
    • PostgreSQL (10.0+)

Sono inoltre consigliati i seguenti requisiti hardware per una installazione ottimale:

  • 2 GHz Dual-core
  • Architettura a 64 bit
  • 4 GB di RAM
  • 120 GB di spazio da dedicare

Prima di proseguire consiglio l'approfondimento con la documentazione ufficiale sui requisiti di Drupal, siccome potrebbero aver subito aggiornamenti nel corso del tempo.

Requisiti di sistema di Drupal 9

EPEL

I pacchetti offerti dalle repo di sistema in CentOS e Red Hat Linux sono di norma molto vecchi e fissi su versioni stabili, ma appunto poco aggiornate. In nostro soccorso arrivano la repository EPEL (Extra Packages for Enterprise Linux) e REMI:

dnf install https://dl.fedoraproject.org/pub/epel/epel-release-latest-8.noarch.rpm
dnf install https://rpms.remirepo.net/enterprise/remi-release-8.rpm

Installazione di php-fpm

Come detto, Drupal è un CMS scritto prevalentemente in PHP. Esistono molte implementazioni di PHP, ma per questa guida ho scelto PHP-FPM, particolarmente veloce e pronto all'uso su Nginx.

Procediamo con l'installazione della versione 8, fornita dalla repository REMI, precedentemente configurata:

dnf module enable php:remi-8.0
dnf install php-fpm

Procediamo poi con l'installazione di alcuni moduli che estendono il supporto alle funzionalità di Drupal:

dnf install php-gd php-ldap php-odbc php-pear php-xml php-xmlrpc php-mbstring php-snmp php-soap curl curl-devel php-mysql php-opcache

in questo modo la nostra configurazione sarà compatibile con una installazione base del CMS. Da tenere comunque in considerazione che alcuni moduli di Drupal potrebbero richiedere l'installazione di altri moduli PHP.

Infine, avviamo il processo ed abilitiamo l'auto-esecuzione all'avvio del server:

systemctl start php-fpm
systemctl enable php-fpm

Installazione di OPCache

Come dicevo all'inizio della guida, per avere un'istanza di Drupal funzionante andremo ad installare OPCache, una estensione che donerà migliori performance al nostro sito web con questo CMS.

Procediamo quindi con l'installazione di php-opcache:

dnf install php-opcache

portiamoci alla locazione /etc/php.d/10-opcache.ini e modifichiamo i parametri come segue:

opcache.enable_cli=1
opcache.memory_consumption=128
opcache.revalidate_freq=60
opcache.interned_strings_buffer=8
opcache.max_accelerated_files=4000
opcache.fast_shutdown=1

Configurazione dominio

Il dominio è sostanzialmente "la base del link" da cui vogliamo raggiungere la nostra installazione di Drupal. Un esempio è proprio questo sito web, raggiungibile appunto da: linuxhub.it.

Una volta scelto e acquistato il nostro dominio, procediamo con la configurazione dei DNS.

Per una miglior fruibilità dei contenuti, la guida su come puntare un dominio ad un IP è disponibile a questo link.

Preparazione Web server

In questa guida utilizziamo Nginx come web server, e tratteremo di seguito l'installazione e la configurazione del software.

Installazione Nginx

Fra le diverse scelte questa è per me la migliore. Se lo scopo del nostro sito web è quello dei grandi numeri in termini di traffico, Nginx è in grado di gestire con facilità grossi carichi, inoltre la sua struttura asincrona gli permette di gestire più eficientemente richieste multiple, occupando la RAM per meno tempo rispetto Apache.

Se volete saperne di più su come installare Nginx su CentOS/RHEL 8, una nostra guida è disponibile a questo link.

Configurazione Nginx

Creiamo ora una posizione da usare successivamente nell'installazione di Drupal. Creiamo la directory dove più preferiamo:

mkdir -p /usr/share/nginx/il_mio_dominio_ex

dove il_mio_dominio_ex è il nome del nostro dominio. Non è indispensabile che nome e dominio siano uguali, ma lo consiglio per una migliore gestione, in caso il server dovesse ospitare più siti web con il passare del tempo.

Impostiamo ora i giusti permessi al nuovo percorso:

chown nginx:nginx /usr/share/nginx/il_mio_domionio_ex
chmod 775 /usr/share/nginx/il_mio_domionio_ex

In questa fase andiamo a creare un blocco server su Nginx per la nostra installazione di Drupal. Portiamoci alla locazione /etc/nginx/conf.d/default.conf e cerchiamo la sezione server che dovrebbe assomigliare alla seguente struttura base:

server {
    listen       80;
    server_name  localhost;

    location / {
        ...
    }
    ...
}

questa, come avete potuto leggere dalla guida di installazione, è la struttura base di un blocco server. Con queste porzioni di codice possiamo definire uno "spazio" per ogni sito web che vogliamo ospitare sul nostro server.

Creiamo ora un nuovo blocco come di seguito:

server {
    listen       80;
    server_name  il_mio_dominio.ex www.il_mio_dominio.ex;

    root   /usr/share/nginx/il_mio_dominio_ex;
    index index.php index.html index.htm;

    location / {
        try_files $uri $uri/ =404;
    }
    error_page 404 /404.html;
    error_page 500 502 503 504 /50x.html;
    location = /50x.html {
        root /usr/share/nginx/html;
    }

    location ~ \.php$ {
        try_files $uri =404;
        fastcgi_pass unix:/var/run/php-fpm/php-fpm.sock;
        fastcgi_index index.php;
        fastcgi_param SCRIPT_FILENAME $document_root$fastcgi_script_name;
        include fastcgi_params;
    }
}

dove:

  • il_mio_dominio.ex - è ovviamente il dominio in nostro possesso che vogliamo dedicare al nuovo sito web
  • /usr/share/nginx/html/il_mio_dominio_ex - è il percorso creato precedentemente dove andremo a posizionare i file di Drupal

Procediamo con la modifica di alcune impostazioni di PHP-FPM necessarie con Nginx. Andiamo ad aprire il file di configurazione nella locazione /etc/php-fpm.d/www.conf, cerchiamo la voce listen e modifichiamo come di seguito:

listen = /var/run/php-fpm/php-fpm.sock

portiamoci poi alle voci listen.owner e listen.group rendendole:

listen.owner = nobody
listen.group = nobody

infine cerchiamo le voci user e group ed adattiamole come di seguito:

user = nginx
group = nginx

Non ci resta che riavviare i processi:

systemctl restart php-fpm nginx

Preparazione Database server

Andremo ora ad installare e configurare il Database server. Nello specifico andremo ad usare MariaDB, un fork di MySQL e da sempre la mia scelta grazie alla sua grande velocitá ed efficienza nella gestione di grandi numeri di connessioni rispetto ad altri concorrenti.

Installazione e configurazione MariaDB

Come già detto, ci servirà una versione recente di MariaDB, ottenibile tramite la repository ufficiale del progetto. Quest'ultima è facilmente installabile tramite lo script ufficiale:

wget https://downloads.mariadb.com/MariaDB/mariadb_repo_setup
chmod +x mariadb_repo_setup
./mariadb_repo_setup

Installiamo quindi i pacchetti MariaDB e MariaDB-server dalla nuova repository:

dnf install --repo="mariadb-main" MariaDB MariaDB-server

avviamo poi il processo con systemctl:

systemctl start mariadb

Per quanto riguarda la configurazione viene in nostro soccorso il wizard MySQL, una installazione guidata di MySQL. Digitiamo quindi:

mysql_secure_installation

e seguiamo le istruzioni a schermo, ricordando di annotare la password una volta fornita poichè ci servirà nella fase di installazione di Drupal.

Personalmente consiglio le seguenti scelte nella fase di configurazione di MySQL:

  • Set root password? Si
  • Remove anonymous users? Si
  • Disallow root login remotely? Si

Creazione Database e user

Ora che tutto è installato e configurato, procediamo con la creazione del database vero e proprio oltre che dell'utente con cui accedervi. Useremo questi dati nella fase di installazione di Drupal.

Facciamo accesso alla console mysql digitando:

mysql -u root -p

a questo punto ci verrà chiesta la password inserita in fase di configurazione di MySQL. Inseriamola e creiamo il nuovo database:

CREATE DATABASE il_mio_dominio;

dove il_mio_dominio sarà il nome del database. Creiamo ora l'utente, digitando la query:

CREATE USER 'utente'@'localhost' IDENTIFIED BY 'la_mia_password';

dove:

  • il_mio_user - è il nome utente con cui faremo accesso al database
  • la_mia_password - è la password del nostro utente

Diamo ora i permessi di accesso al nostro utente con la seguente query:

GRANT ALL PRIVILEGES ON il_mio_dominio.* TO [email protected];
FLUSH PRIVILEGES;

e chiudiamo la console:

exit

Installazione Drupal

Siamo arrivati finalmente al nocciolo della guida, la fase in cui andiamo ad installare effettivamente Drupal sul nostro nuovo sito web.

Per prima cosa, accertiamoci che sia presente wget sul server (basterà digitare wget per controllarne la presenza). In alternativa potete utilizzare curl.

Otteniamo ora una copia dell'archivio di installazione Drupal dal sito ufficiale e scompattiamo il tutto nella locazione di installazione che abbiamo scelto in precedenza:

cd ~/
wget https://www.drupal.org/download-latest/tar.gz
tar -zxvf tar.gz -C /il_mio_dominio_ex
mv /il_mio_dominio_ex/drupal* /il_mio_dominio_ex/

dove: /il_mio_dominio_ex è la locazione che abbiamo configurato per la nostra installazione.

Creiamo ora il file di configurazione dove Drupal scriverà in fase di installazione guidata:

cd /il_mio_dominio_ex
cp sites/default/default.settings.php sites/default/settings.php

Ci basterà ora visitare il nostro dominio e procedere all'installazione guidata.

Per dubbi o chiarimenti non esitate a chiedere nel nostro gruppo telegram.

Leggi anche

Caricamento..