linux/hub linux/hub
cerca

#howto - Installazione di Gitea su tutte le distribuzioni Linux

Scritto da il
github
bash
systemd

Gitea è una soluzione hosting Git installabile senza troppe difficoltà su qualsiasi distribuzione Linux. Simile a GitHub, Bitbucket e GitLab, Gitea è un fork di Gogs, e due dei suoi punti di forza sono la velocità e la leggerezza con cui gira.

Gitea è molto facile da utilizzare e da configurare, e in questa guida vedremo come installarlo su un proprio server con qualsiasi distribuzione Linux come base.

Requisiti

Prima di procedere con l'installazione di Gitea è necessario configurare un database ed un utente di sistema che dovrebbe essere utilizzato solamente per questo scopo. Per prima cosa, verifichiamo che Git sia installato sul sistema con il comando:

git --version

e l'output dovrebbe essere simile al seguente:

git version 2.17.1

In seguito, creiamo un utente che avrà lo scopo di eseguire Gitea. In questa guida utilizzeremo come esempio git:

sudo adduser --system --home /home/git --shell /bin/bash --group git

realizziamo la struttura delle cartelle in cui girerà il software:

sudo mkdir -p /var/lib/gitea/{custom,data,log}
sudo mkdir /etc/gitea

infine impostiamo i permessi corretti:

sudo chown -R git:git /var/lib/gitea/
sudo chmod -R 750 /var/lib/gitea/
sudo chown root:git /etc/gitea
sudo chmod 770 /etc/gitea

Per concludere, creiamo un database con MySQL, MariaDB o PostgreSQL con dei dati a nostra scelta.

NB: vi consigliamo di creare un utente apposito per la gestione del database di Gitea per una maggior sicurezza.

Installazione di Gitea

Rechiamoci nella nostra home o nella cartella /tmp e con wget procediamo al download di Gitea dalle repo ufficiali:

wget -O gitea https://dl.gitea.io/gitea/1.11.4/gitea-1.11.4-linux-amd64

E rendiamo il file scaricato eseguibile:

chmod +x gitea

Verifichiamo che il pacchetto di cui abbiamo effettuato il download sia firmato con la corretta chiave GPG:

gpg --keyserver pgp.mit.edu --recv 7C9E68152594688862D62AF62D9AE806EC1592E2
gpg --verify gitea-1.11.4-linux-amd64.asc gitea-1.11.4-linux-amd64

e per sicurezza forniamo a Gitea un'indicazione sulla directory su cui deve lavorare:

export GITEA_WORK_DIR=/var/lib/gitea/

Infine, copiamo il pacchetto scaricato in precedenza nella cartella principale di Gitea:

sudo cp gitea /usr/local/bin/gitea

Esecuzione di Gitea

Per avviare Gitea ci sono due opzioni: con la prima creeremo un servizio che permetterà di eseguire automaticamente il programma (consigliato), mentre nella seconda ricorreremo al semplice input da terminale.

Creazione di un servizio per avviare Gitea in automatico

Creare un servizio per Gitea con systemd è molto semplice: creiamo il file gitea.service nella cartella /etc/systemd/system/ e copiamo il seguente blocco di codice, ricordandosi di decommentare la riga dove viene specificato il servizio del proprio programma di database attualmente in esecuzione:

Modificate il parametro dell'utente, del gruppo e della home directory se necessario.

[Unit]
Description=Gitea (Git with a cup of tea)
After=syslog.target
After=network.target

[Service]
#LimitMEMLOCK=infinity
#LimitNOFILE=65535
RestartSec=2s
Type=simple
User=git
Group=git
WorkingDirectory=/var/lib/gitea/
#RuntimeDirectory=gitea
ExecStart=/usr/local/bin/gitea web --config /etc/gitea/app.ini
Restart=always
Environment=USER=git HOME=/home/git GITEA_WORK_DIR=/var/lib/gitea
#CapabilityBoundingSet=CAP_NET_BIND_SERVICE
#AmbientCapabilities=CAP_NET_BIND_SERVICE

[Install]
WantedBy=multi-user.target

Salviamo il file, avviamo Gitea e facciamo in modo che parta automaticamente all'avvio del proprio sistema:

sudo systemctl enable gitea
sudo systemctl start gitea

Esecuzione di Gitea da terminale

Per avviare Gitea attraverso la propria shell non dobbiamo fare altro che scrivere questo semplice comando:

GITEA_WORK_DIR=/var/lib/gitea/ /usr/local/bin/gitea web -c /etc/gitea/app.ini

Post-esecuzione

Nel caso in cui Gitea dovesse avviarsi senza alcun problema, visitiamo l'app web disponibile all'indirizzo: ipdelserver:3000. Se tutto è stato configurato correttamente, dovremmo trovarci di fronte ad una pagina di benvenuto da dove potremo configuare il database.

Per una questione di sicurezza, al termine di quest'ultimo passaggio, cambiate i permessi della cartella di Gitea e del file di configurazione in questo modo:

sudo chmod 750 /etc/gitea

sudo chmod 640 /etc/gitea/app.ini

Conclusione

Gitea è un servizio Git che può tornare molto utile nel caso non si avesse intenzione di usufruire di applicazioni web, ed è consigliato vista la sua semplicità e velocità.

Per maggiori informazioni, non esitate a fare domande sul nostro gruppo Telegram.

Leggi anche

Caricamento..