Pop!_OS! e elementary OS puntano alla crittografia completa del disco

In questo articolo

  1. PC Linux crittografati come impostazione predefinita

System76, il noto fornitore di computer notebook, desktop e server basati su Linux, ha condiviso i dettagli sul nuovo programma di installazione per la prossima versione di Pop!_OS! Linux.

Come avevamo giá accennato mesi fa, System76 sta collaborando col team di elementary OS, principalmente col fondatore Daniel Foré, su un nuovo programma di installazione, che offrirà il supporto completo della crittografia del disco, per la prossima major release della loro distribuzione basata su Ubuntu, che arriverà questa primavera e sará basata sulla release 18.04 LTS (Bionic Beaver) di Canonical.

Il lavoro con elementary OS era incentrato sull’esperienza utente dell’installazione, sul partizionamento delle unità, sul dual boot e sulla crittografia completa del disco

ha scritto uno degli ingegneri di System76 nell’ultimo rapporto settimanale del progetto.

La crittografia completa del disco è considerata una parte importante della sicurezza e della privacy e dovrebbe essere un’opzione predefinita in qualsiasi distribuzione Linux.

PC Linux crittografati come impostazione predefinita

System76 è noto come OEM dedicato alla privacy e alla sicurezza e il loro obiettivo per il futuro è quello di fornire PC Linux crittografati per impostazione predefinita. Hanno lavorato a tutte le sfide che hanno incontrato con l’implementazione della crittografia completa del disco nel programma di installazione e sono riusciti a creare un’esperienza migliore per l’installazione di Pop! _OS Linux e elementary OS.

Il lavoro sul nuovo programma di installazione è guidato da Daniel Foré di elementary OS per l’esperienza utente, nonché sull’implementazione del front-end, mentre gli ingegneri di System76 stanno concentrando i loro sforzi sul back-end dell’installatore.

In precedenza, gli utenti che volevano crittografare i propri PC System76 o elementary OS, avrebbero dovuto reinstallare il sistema operativo con la crittografia del disco. Un’altra idea era vendere computer pre-criptati, che richiederebbero una chiave unica per ogni utente, qualcosa che non può essere garantito ne gestito. Quindi offrire la crittografia completa del disco durante la prima installazione tramite l’installer sembra la strada giusta da percorrere.

Approfondiscihttps://linuxhub.it/2017/08/29/un-nuovo-installer-per-elementaryos-in-cantiere/

Rapporto settimanale System76http://blog.system76.com/post/170167029168/installer-elementary-and-popos-collaboration


info Il contenuto di questo articolo é libero alla condivisione, a patto che venga citata la fonte (linuxhub.it)


chat Discuti questo articolo con
help /gentedilinux
elementaryos