chrome_reader_mode

Metti in mostra la tua personalizzazione Linux help_outline Maggiori informazioni

linux/hub è molto più di quel che vedi! info_outline Leggi le intenzioni

Installazione Archlinux

Pubblicato da Mirko Brombin il Dom, 12/30/2018 - 16:55
Copertina
copertina

Questa guida si prefigge lo scopo di essere generale un po' orientata a chiunque si avvicini la prima
volta nel mondo di Archlinux. Tuttavia è stata seguita seguendo le mie esigenze e le mie esperienze
acquisite nel campo. Al tempo in cui sto scrivendo questa prefazione (estate 2018) ho alle spalle soli
3 anni di abilità acquisite su archlinux, installando tuttavia più e più volte la distribuzione su vari
calcolatori (pc fissi, portatili, macbook etc..)


Se c'è comunque una consapevolezza di cui il tempo, le mie e le esperienze altrui mi hanno fatto
dono è che, inevitabilmente, ogni calcolatore gode di un esperienza unica in termini di
prestazioni, estetica e praticità della configurazione distribuzione/kernel/parametri installati
da colui che si appresta ad utilizzarci GNU/Linux sopra. Questa affermazione, se pur posso
assicurare abbia un alto grado di verità, tende ad entrare difficilmente nelle mentalità di chi da
tempo, ormai, tende ad avere atteggiamenti da stadio anche nei confronti della più assoluta libertà
che dovrebbe invece professare la community di Linux.


Inoltre consiglio a tutti coloro che si avventurano nella piccola impresa di installare Archlinux, di
tenere sempre sottomano la guida ultima di tutti noi arch-user (e non solo), la wiki: un'enorme fonte
di conoscenza sul mondo linux che risolve problemi in qualsiasi ambito, o quanto meno vi aiutarisolverli indirettamente. Tutto ciò che troverete in questa guida altro non è che un estratto di
piccole sezioni della wiki che io uso sempre per installare archlinux. La guida è inoltre disponibile in
moltissime lingue, tra cui l'italiano.


Ricordo inoltre che per chi volesse provare un Archlinux con installer user-friendly, esiste Manjaro,
una distro su base arch completamente personalizzabile al momento dell'installazione, molto ma
molto user-friendly. Segnalo anche chakra.
Rimane comunque consigliato, a mio avviso, non scegliere Archlinux come distribuzione per
approcciarsi la prima volta con il mondo GNU/Linux, ma scegliere distro più "alla mano" come
Ubuntu, Fedora, Linux Mint o Kde-Neon.
Finalmente dopo un anno posso dire di aver concluso una prima fase di maturità di questa guida,
che è stata letta, usata, commentata, criticata e corretta da tantissimi utenti. Ringrazio chiunque
abbia partecipato a quella che oggi, ad Agosto 2019, ritengo essere la guida di arch versione 1.0
Detto questo: buon divertimento e benvenuti nel fantastico mondo di Archlinux .

 

P.S: troverete la guida sempre aggiornata della guida sul mio github