linux/hub linux/hub
cerca

#howto - Installazione ed utilizzo di Aria2 su Linux

Scritto da il
centos
fedora
ubuntu
debian
github
arch linux
bash

Aria2 è un download manager leggero, open source (qui il sorgente), ed estremamente completo disponibile per tutti i sistemi operativi desktop. Il suo punto di forza principale è il supporto a molteplici protocolli (HTTP/HTTPS, FTP, ma anche BitTorrent e link Magnet), con un'altissima possibilità di personalizzazione.

In questa guida vedremo come installarlo, senza dimenticare qualche esempio che ne dimostra la versatilità.

Installazione

Aria2 è disponibile per tutte le principali distribuzioni nei repository di sistema.

Ubuntu e derivate

Aria2 è presente nei repository di Ubuntu e Debian, pertanto basterá installarlo utilizzando apt:

apt install aria2

Fedora e derivate

Similmente ad Ubuntu, anche su Fedora, CentOS e derivate Aria2 è presente nei repository ufficiali, pertanto sarà installabile semplicemente utilizzando dnf:

dnf install aria2

Arch Linux

Come per le precedenti, anche nel caso di Arch Aria2 è disponibile nei repository di sistema e potremo installarla utilizzando pacman:

pacman -S aria2

OpenSUSE

Per installare infine Aria2 su OpenSUSE ci basterà utilizzare zypper:

zypper install aria2

Utilizzo

Vediamo ora alcune delle (quasi) infinite possibilità che offre Aria2.

Nella presentazione dei comandi verranno utilizzati dei placeholder generici per indicare componenti che variano a seconda del caso d'uso (e.g. la directory di download, il link al file da scaricare etc.) che verranno specificati di volta in volta.

Download HTTP(s):

Supponiamo di voler scaricare il file .iso della nostra distribuzione preferita. Per fare ciò ci basterà dare il comando:

aria2c http://esempio.it/topDistro.iso

dove il link è da sostituire con il link al file ISO di riferimento.

Specificare la directory del download

Qualora si voglia specificare la directory in cui scaricare il file, sarà sufficiente aggiungere il flag -d seguito dal percorso alla directory di interesse; ad esempio, per scaricare il file nella directory di Downloads (voi specificate la directory che preferite) utilizzeremo aria2 in questo modo:

aria2c -d $HOME/Downloads/ http://esempio.it/topDistro.iso

Verificare l'integrità del file

Un'altra delle possibilità che ci offre Aria2 è quella di scaricare un file e verificarne l'hash direttamente in un comando. Ci basterà infatti aggiungere il flag --checksum seguito dal tipo di checksum che vogliamo calcolare (supportati sono i principali algoritmi di hash, sha-1, sha-224,sha-256, sha-384, sha-512, md5, adler32) e dal flag -V.

Supponiamo ad esempio di voler verificare la nostra ISO con un hash sha-1 fornito dal sito. Per fare ciò ci basterà usare aria2 così:

aria2c http://esempio.it/topDistro.iso --checksum=sha-1=hashfornito -V

dove sha-1 si può rimpiazzare con il tipo di checksum da calcolare e hashfornito con l'hash fornito in rete.

Se tutto dovesse filare liscio, dovremmo ottenere un output simile a questo, a conferma dell'integrità del file:

07/16 12:34:15 NOTICE Verification finished successfully. file=/percorso/del/file/topDistro.iso

07/16 12:34:15 NOTICE Download complete: file=/percorso/del/file/topDistro.iso

Mentre una verifica fallita ci verrà notificata tramite un messagio simile al seguente:

07/16 12:38:51 ERROR Checksum error detected. file=/percorso/del/file/topDistro.iso

07/16 12:38:51 NOTICE Download GID#92f2466539800757 not complete: file=/percorso/del/file/topDistro.iso

Utilzzare più sorgenti per il download

Qualora si vogliano specificare più sorgenti di download per un file, in modo, ad esempio, da essere al sicuro da eventuali errori su una sorgente, sarà sufficiente elencarli in seguito al comando come in questo modo:

aria2c http://esempio_sorgente1.it/topDistro.iso http://esempio_sorgente2.it/topDistro.iso

Download Torrent

Una delle caratteristiche più interessanti messe a disposizione da Aria2 è la possibilità di scaricare un file Torrent attraverso il suo protocollo.

Ad esempio, per scaricare la ISO della nostra distribuzione preferita utilizzando questo protocollo ci basterà usare il seguente comando:

aria2c http://esempio.it/topDistro.torrent

dove l'URI punterà alla sorgente del file torrent che vogliamo scaricare.

Rimozione del file al termine del download

Qualora si voglia fare in modo che il file .torrent non venga scritto su disco, ma solo tenuto in memoria durante il download è possibile specificarlo attraverso il flag --follow-torrent=mem (di default è true, ovvero con il file torrent che viene scaricato e parsato per il download. È possibile anche settarlo a false per scaricare il file .torrent senza scaricare il file associato).

aria2c --follow-torrent=mem http://esempio/topDistro.torrent

Non eseguire il seed una volta scaricato il file

Se si vuole bloccare il seeding (ovvero la condivisione con altri seed) del file una volta scaricato è possibile aggiungere il flag --seed-ratio andando a settarlo a 0:

aria2c --seed-ratio=0 http://esempio/topDistro.torrent

Aria2 consente anche di scaricare file Torrent a partire dai rispettivi link magnet, semplicemente passandoli come parametri al comando. È importante tuttavia inserire tra virgolette il link, a causa dei caratteri speciali non sempre riconosciuti.

Ecco un esempio (il link magnet varierà in base a cosa scaricherete):

aria2c "magnet:?xt=urn:btih:be55d9e3ab8e1eb8560061f7e679de6d&d"

File di configurazione e alias

È possibile, al fine di evitare di dover specificare ogni volta i flag che usiamo comunemente, la creazione di un file di configurazione contenente le opzioni di cui abbiamo bisogno. Dopo l'installazione non viene creato (ed è facoltativo), ma se lo si volesse realizzare il percorso di default è $HOME/.aria2/aria2.conf dove aria2.conf è il file stesso.

Ad esempio potremmo voler specificare opzioni come la directory di download, il livello dei log e l'azione da eseguire quando il download è completo:

dir=${HOME}/Downloads
on-download-complete=exit
log-level=warn

In queste semplici righe stiamo dicendo ad Aria2 di scaricare i file nella directory Downloads, di tenere un livello di log = warn e di uscire al completamento del comando.

A questa possibilità si aggiunge la versatilità di Linux, che permette la creazione di alias nel nostro file bashrc (se non l'avete letta trovate la guida specifica qui) al fine di richiamare specifici comandi legati ad aria2 in relazione al tipo di download. Seguono un paio di esempi:

  • Scaricare torrent senza conservare il file nè condividerlo, salvando il download in $HOME/Downloads:
alias torrent = "aria2 --seed-ratio=0 --follow-torrent=mem -d $HOME/Downloads/"
  • Scaricare file da HTTP(s) uscendo al termine e nella stessa directory di cui sopra:
alias download = "aria2c --on-download-complete=exit -d $HOME/Downloads/"

Conclusioni

Questa era una breve guida all'installazione di aria2 ed una breve disamina dei comandi più basici che offre. Qui trovate il manuale ufficiale con l'elenco completo dei comandi mentre per ogni dubbio o chiarimento, ci trovate al solito gruppo Telegram.

Leggi anche

Caricamento..