linux/hub linux/hub
cerca

#howto - Installazione e configurazione di fish (shell) su Linux

Scritto da il
centos
fedora
ubuntu
debian
python
arch linux
rhel
bash

Fish, definita anche come Friendly Interactive Shell, è una shell pronta all'uso che offre suggerimenti automatici, completamento dei comandi automatico, un linguaggio di scripting completamente funzionale, leggibile e anche del testo colorato che guida all'uso del terminale.

In questa guida vedremo come installarlo e configurarlo, oltre che provare alcune funzionalità interessanti.

Installazione di fish

Ubuntu, Debian e derivate

Per installare fish su Ubuntu possiamo aggiungere una repo di terze parti (ufficiale) tramite ppa:

apt-add-repository ppa:fish-shell/release-3
apt-get update
apt-get install fish

Per quanto riguarda Debian, dobbiamo aggiungere la repo dal sito di OpenSuse:

# Debian 9
echo 'deb http://download.opensuse.org/repositories/shells:/fish:/release:/3/Debian_9.0/ /' | sudo tee /etc/apt/sources.list.d/shells:fish:release:3.list
apt update
apt install fish

# Debian 10
echo 'deb http://download.opensuse.org/repositories/shells:/fish:/release:/3/Debian_10/ /' | sudo tee /etc/apt/sources.list.d/shells:fish:release:3.list
apt update
apt install fish

Fedora, CentOS e derivate

Su Fedora possiamo sfruttare dnf:

dnf install fish

mentre per CentOS e RHEL dobbiamo passare dal sito di OpenSuse come su Debian:

# CentOS 8
cd /etc/yum.repos.d/
wget https://download.opensuse.org/repositories/shells:fish:release:3/CentOS_8/shells:fish:release:3.repo

yum install fish

# CentOS 7
cd /etc/yum.repos.d/
wget https://download.opensuse.org/repositories/shells:fish:release:2/CentOS_7/shells:fish:release:2.repo

yum install fish

# RHEL 7
cd /etc/yum.repos.d/
wget https://download.opensuse.org/repositories/shells:fish:release:3/RHEL_7/shells:fish:release:3.repo
yum install fish

Arch Linux

Su Arch Linux possiamo utilizzare pacman:

pacman -S fish

Configurazione di fish

Una volta che abbiamo installato fish possiamo o renderla shell predefinita, argomento che abbiamo toccato in una guida dedicata, oppure aprirla con fish da terminale. A quel punto, la shell dovrebbe cambiare in un modo simile a:

Welcome to fish, the friendly interactive shell
Type `help` for instructions on how to use fish
[email protected] ~>

A quel punto, possiamo iniziare ad utilizzare fish. Prima, però, vediamo come configurarla.

Il comando fish_config, ad esempio, caricherà un server di personalizzazione sul browser, che possiamo utilizzare per cambiare i colori, creare variabili e tanto altro ancora. Quello però, dovete esplorarlo da voi, siccome c'è molto da scoprire!

Fish config browser

Come usare fish

fish ha diverse funzionalità che lo contraddistinguono da bash o zsh, come ad esempio l'autocompletamento dei comandi, che si può notare appena si scrive qualcosa e che si basa sui manuali, e l'evidenziatura dei comandi: quest'ultima, se il comando è rosso, mostra quando un comando non esiste, mentre se è in altri colori potrebbe avere un significato diverso, come quello di comando esistente e funzionante.

Funzioni

fish supporta delle funzioni, che sono simili agli alias, e permettono, come in un normale linguaggio di programmazione, di svolgere qualche attività, semplice o complessa che sia, con un semplice comando.

Digitando functions:

functions

possiamo vedere le funzioni che esistono di default o che abbiamo creato noi:

., :, N_, abbr, alias, bg, cd, cdh, contains_seq, delete-or-exit, dirh, dirs, disown, down-or-search,
edit_command_buffer, export, fg, fish_breakpoint_prompt, fish_clipboard_copy, fish_clipboard_paste, fish_config,
fish_default_key_bindings, fish_default_mode_prompt, fish_git_prompt, fish_hg_prompt, fish_hybrid_key_bindings,
fish_indent, fish_key_reader, fish_md5, fish_mode_prompt, fish_npm_helper, fish_opt, fish_print_git_action,
fish_print_hg_root, fish_prompt, fish_sigtrap_handler, fish_svn_prompt, fish_title, fish_update_completions,
fish_vcs_prompt, fish_vi_cursor, fish_vi_key_bindings, funced, funcsave, grep, help, history, home, hostname, isatty,
kill, la, ll, ls, man, nextd, nextd-or-forward-word, open, popd, prevd, prevd-or-backward-word, prompt_hostname,
prompt_pwd, psub, pushd, python3, realpath, seq, setenv, suspend, trap, type, umask, up-or-search, vared, wait,

Esatto, in fish possiamo creare le nostre funzioni. Per crearne una possiamo scrivere function nome_funzione:

function nome_funzione

quando si premerà INVIO potremo creare una funzione utilizzando normali comandi. Se vogliamo che a "ciao" il terminale ci dica "Hello World", possiamo creare una funzione come la seguente:

[email protected] ~> function ciao

                       echo "Hello World!"

                   end

end deve essere sempre scritto per terminare una funzione. A quel punto, scrivendo "ciao", avremo un output come questo:

Hello World!

Combinazioni di comandi

In fish, infine, possiamo combinare i comandi utilizzando operatori come && (che possiamo rimpiazzare con ;) o anche || e ! per negare qualcosa.

Per esempio, possiamo fare un comando che eseguamake solo se la configurazione del progetto ha esito positivo. Di conseguenza, possiamo anche fare in modo che il terminale esegua sudo make install se ./configure e make hanno esito positivo.

./configure && make && sudo make install

In fish c'è davvero molto da esplorare, e se volete davvero sapere tutto potete consultare l'ottima wiki ufficiale, visibile qui.

Per maggiori informazioni, dubbi e chiarimenti, non esitate a fare domande sul nostro gruppo Telegram.

Leggi anche

Caricamento..