linux/hub linux/hub
cerca

#howto - Avviare il sistema da GRUB Rescue

Scritto da il
fedora
ubuntu
bash

Tra le piaghe più comuni di un aggiornamento andato male su sistemi operativi Linux c'è sicuramente la corruzione di GRUB, un bootloader ancora diffuso oggi. Ma, senza disperarsi troppo cercando vecchie chiavette di Ubuntu nascoste sotto il letto, vediamo cosa si può fare per avviare lo stesso il nostro sistema operativo!

ATTENZIONE: Numeri e output variano da sistema a sistema. Non eseguite dei semplici copia e incolla, controllate quello che scrivete.

Avvio di Linux da GRUB Rescue

Prima di continuare, vi consigliamo di munirvi della foto di una tastiera con layout USA. Infatti, oltre a quello che sarà il layout della vostra tastiera, in grub-rescue verrà caricato sempre il layout americano.

Orientarsi nei dischi

Per conoscere, come prima cosa, i dischi presenti nel nostro sistema possiamo usare il nostro amato ls, che dovrebbe darci un output simile al seguente:

(hd0)(hd0,msdos1)(hd0,msdos2)(hd1)(hd1,gpt1)

Il numero dopo la dicitura hd altro non è che un identificativo per l'hard disk. Gli identificativi msdos e gpt, seguiti da un numero, identificano le partizioni di quel disco o di quella memoria.

Se non si hanno informazioni su quale disco/partizione contiene il vostro sistema, non resta che controllarli tutti. Quello che possiamo fare è iniziare a dare ls in qualsiasi disco noi vogliamo. Ad esempio, andiamo sul primo HDD rilevato e la sua prima partizione:

ls (hd1,gpt1)/

E così via fino a che non notiamo la tipica struttura dei sistemi Linux, cioè con le varie cartelle:

./ ../ bin/ boot/ ....

Se riceviamo in ouput un "Filesystem is unknown" andiamo oltre, sperando non sia la nostra partizione ma corrotta.

Se non mettete lo slash / nel comando come mostrato sopra, il comando darà informazioni sul tipo di partizione del disco. ls (hd1,gpt1), ad esempio, restituirà il tipo di partizione. Se nell'output troviamo la scritta Filesystem type ext* allora potremmo essere sulla buona strada.

Impostare i parametri di avvio del sistema

Supponendo di aver trovato la partizione giusta, o una qualunque partizione con un sistema Linux funzionante, bisogna ora impostare i vari parametri di avvio.

Supponiamo sia (hd1,gpt1). Annotiamoci prima il nome dei file che si trovano nella cartella boot:

ls (hd1,gpt1)/boot

siccome ci servirà più in là.

Impostare la root

Con il comando simile al seguente:

set root=(hd1,gpt1)/ root=/dev/sdb1

è possibile impostare la root del sistema. Notate che il percorso specificato è /dev/sdb1. Arriviamoci insieme:

I così detti device speciali (cioè quei file che identificano le nostre memorie di archiviazione collegate) sono tutti identificati dal percorso /dev/sdXY, dove la X è una lettera il quale ordine parte da a e identifica il disco, mentre Y è un numero maggiore o uguale a 1 e identifica la partizione.

Abbiamo supposto di aver trovato il nostro sistema in hd1 (il secondo dispositivo rilevato) nella sua prima partizione gpt1. La seconda lettera dell'alfabeto è b, il primo numero è 1, quindi impostiamo come root /dev/sdb1.

Se avessimo trovato la root nel device hd0 partizione 3 sarebbe stato corretto root=/dev/sda3 ad esempio.

Indicare il kernel di avvio

Nel prossimo comando andremo a specificare il kernel da utilizzare. Per i neofiti magari non c'è bisogno di ulteriori specifiche, ma se avete più kernel invece (compreso quello di fallback) potreste volere avviare uno più che un altro. Per sapere i nomi basta vedere quali iniziano per vmlinux o vmlinuz nella lista di file all'interno di /boot. Qui prenderemo quello standard:

linux (hd1,gpt1)/boot/vmlinuz-linux

Initial ramdisk

Va poi specificato anche l'initial ramdisk, una serie di file temporanei precaricati all'avvio del sistema nella nostra RAM. Questa lista si trova nei file che come estensione hanno .img:

initrd (hd1,gpt1)/boot/initrd-linux.img

Avvio del sistema

Se avete seguito correttamente i passaggi qui sopra e siete pronti ad avviare il sistema, date semplicemente il comando:

boot

Sperando che sia andato tutto bene, dovrebbe partire il sistema. Notate che non è sempre detto che questi passi funzionino come da noi riportato, le vostre opzioni di boot potrebbero essere diverse da caso a caso.

Vi consiglio di tenervi da qualche parte (anche su cloud) una copia del vostro grub.cfg da cui copiare eventualmente i dati di cui sopra in caso si rompa il GRUB.

Farlo potrebbe garantire la riuscita di questo processo di riparazione.

Ricordate che "il backup, è quella cosa che dovevi farla prima."

Consigli di post-avvio

Se riuscite a fare l'accesso al sistema, ricordatevi di reinstallare e riaggiornare il GRUB:

# Installare il GRUB
grub-install /dev/sdX # X indica il numero del disco

# Aggiornarlo
## Su Ubuntu e derivate
update-grub2 

## Su Fedora
grub2-mkconfig -o /boot/grub2/grub.cfg

### Su Fedora, ma con EFI
grub2-mkconfig -o /boot/efi/EFI/fedora/grub.cfg

## Sulle altre distribuzioni
grub-mkconfig -o /boot/grub/grub.cfg

Per ogni dubbio, chiarimento o curiosità ci trovate al nostro gruppo Telegram.

Leggi anche

Caricamento..