Sviluppare Android Apps da Chromebook

Tempo di lettura stimato: 5 minuti

L’esecuzione di applicazioni native Linux su Chromebook non è più una novità. Per chi ancora non è al corrente, crouton è uno script per ChromeOS che permette l’esecuzione di un grande numero di applicazioni native Linux (normalmente sviluppate per girare su Xorg), sul sistema operativo di Google, ChromeOS.

Con l’arrivo nativo delle App Android su ChromeOS, il parco software del sistema operativo in questione ha raggiunto livelli invidiabili da Windows stesso. È con questo proposito che nasce il bisogno di sviluppare app direttamente da Chromebook. Grazie al precedentemente nominato crouton, possiamo appunto non solo utilizzare Android Studio su ChromeOS ma bensì testare le applicazioni direttamente sul nostro Chromebook, eliminando la necessità dell’emulatore Android.

Procedura

Attivare la modalità sviluppatore: cancellerà tutti i dati!

Visitando questa pagina, cliccare poi sul vostro modello e seguire le istruzioni (prima assicuratevi di aver fatto un backup dei vostri dati, poichè verranno cancellati).

Creare una Linux chroot con crouton

Seguendo la easy way. con alcune piccole modifiche, si puo’ procedere in questo modo:

  • Scaricate crouton sul vostro Chromebook (nella vostra cartella Downloads)
  • Aprite il terminale con Ctrl+Alt+T
  • Entrate nella shell digitando shell
  • Lanciate sudo sh ~/Downloads/crouton -t xfce,extension,xorg,xiwi

Ci vorra un po’, fin a quando lo script terminerà di scaricare i pacchetti dalla rete, la reale velocità di download dipende come sempre dal vostro provider.

Nel frattempo, lasciatemi chiarire cosa fa questo comando e quali differenze sostanziali ci sono con la easy way. Di default e’ installato Ubuntu 16-04 LTS, che si addice in maniera assolutamente ideale alla scopo che stiamo trattando. .xfce e’ il desktop environment che verra’ usato. Il tarhet .extension portera’ la sincronizzazione degli appunti e altre integrazioni tra chroot e Chrome OS. Per sfruttarla al meglio, dal Chrome Web Store si puo’ installare questa estensione. .xorg,xiwi significa che lo script installera’ due differenti modi di accdere al chroot: tramite il server xorg, usando una combinazione di tasti che permettera’ di switchare tra il chroot desktop e Chrome, o direttamente tramite Chrome OS (finestra o tab). Useremo il primo per il setup di Android Studio, e dopo l’altro per lanciarlo come una finestra indipendente.

Vi verra’ chiesto di creare un nome utente ed una password Linux. Non scordatelo!

Download Android Studio per Linux

Una volta che lo script abbia una finito (vedrete il messaggio Done!), aprite una nuova tab e scaricate Android Studio.

Lasciate il file come .zip nella vostra cartella Downloads.

Configurare Android studio nel vostro chroot

Tornate al terminale, o aprite un altro e digitate shell. Lanciate il comando sudo startxfce digitando la vostra password. Potete switchare tra XFCE e Chrome OS in qualsiasi momento usando le combinazioni di tasti

Ctrl+Alt+Shift+Back e Ctrl+Alt+Shift+Forward

Per spegnere il chroot, semplicmente basta sloggarsi da XFCE. Una volta scelta la configurazione di default aprite il file Manager e recatevi nella cartella ~/Download, una volta selezionato il file zip di Android Studio, estraetelo. Potete estrarlo nella cartella ~/Downloads o muoverlo nella cartella ~/Software. L’importante e’ che vi ricordiate dove sia. Nel mio caso, terro’ come buono lo spostamento della cartella ~/Software.

Recatevi ora in ~/Software/android-studio/bin ed aprite un terminale qui.

Digitate sh studio.sh ed attraverso la configuratzione di Android Studio (potete scegliere di installare l# SDK anche in un supporto esterno se avete problemi di capienza). Non serve installare nessun device virtuale. Download ed installazione richiedono un po di tempo.

Creiamo un nuovo progetto, in modo da raggiungere la schermata principale di Android Studio, quindi dal menu: Tools > Create Command-line Launcher e creiamo il launcher per l’esecuzione del software.

Torniamo al Terminale chroot e assicuriamoci che sia installato Python

sudo apt install python

Eseguire Android Studio in finestra Chrome

Torniamo al terminale di Chrome e digitiamo

sudo enter-chroot xiwi studio

Android Studio dovrebbe avviarsi in una nuova finestra di ChromeOS, seguito da un log corposo nel terminale stesso.

Utilizzare il Chromebook come ADB device

Sempre dal nostro Terminale di Chrome, digitiamo in sequenza:

sudo crossystem dev_boot_signed_only=0
sudo /usr/libexec/debugd/helpers/dev_features_rootfs_verification
sudo reboot

Questo configurerà il firewall sulle nostre esigenze. In questo momento è importante e indispensabile riavviare il Chromebook.

Una volta riavviato, apriamo un nuovo Terminale di Chrome e digitiamo:

sudo /usr/libexec/debugd/helpers/dev_features_ssh

Ora non ci resta che abilitare il Debugging ADB dalle impostazioni Android del Chromebook, per farlo ci basta seguire la procedura standard:

  • Dalle impostazioni di Android raggiungiamo le informazioni sul dispositivo
  • Clicchiamo sette volte Build Number 
  • Un avviso ci informa dell’avvenuta abilitazione della modalità sviluppatore
  • Sempre dalle impostazioni di Android, rechiamoci nel nuovo menu comparso “Opzioni Sviluppatore”, cerchiamo ADB Debugging e abilitiamolo

Non ci resta che connetterci via ADB tramite Terminale Chrome:

adb connect localhost:22

comparirà una finestra di dialogo dove accettiamo l’accesso.

Testare le nostre App

Avviamo Android Studio, per farlo apriamo il nostro Terminale Chrome e digitiamo

sudo enter-chroot xiwi studio

apriamo il nostro progetto o creiamone uno nuovo. Aprendo la lista dei dispositivi connessi e disponibili per il debug della nostra nuova App, dovrebbe comparire il Chromebook stesso in cui è aperto Android Studio, se così non fosse priamo a digitare dal Terminale Chrome:

adb kill-server
adb connect localhost:22

una volta selezionato il nostro Chromebook, eseguiamo il debug dell’App, che dovrebbe aprirsi subito nel nostro schermo.

Avviare rapidamente Android Studio

Sicuramente quello utilizzato sino a questo punto della guida, non è uno dei comandi più semplici da ricordare:

sudo enter-chroot xiwi studio

Un buon trucco è quello di creare un Alias, per farlo digitiamo nel Terminale Chrome:

echo 'alias studio="sudo enter-chroot xiwi studio'" >> ~/.bashrc

a questo punto ci basterà aprire il Terminale Chrome e digitare studio per avviare Android Studio.

croutonhttps://github.com/dnschneid/crouton/

courton (estensione)https://chrome.google.com/webstore/detail/crouton-integration/gcpneefbbnfalgjniomfjknbcgkbijom

Chrome OS Devices Dev. Info.https://www.chromium.org/chromium-os/developer-information-for-chrome-os-devices

Android Studiohttps://developer.android.com/studio/index.html

Son of 1985, Systemadmin and Open Source inside