☕ #pausacaffè – Se il diavolo ci mette lo zampino.. Tu mettici GNU/Linux!

Tempo di lettura stimato: 2 minuti

Questo articolo nasce per caso… ora vi racconto come.

Stasera come ogni sera prendo il mio fido laptop, lo accendo inserisco la password e.. sorpresa! Password errata, dopo svariati tentativi e un aiuto prezioso del mitico Giuliano Zamboni. Sono giunto alla conclusione che era il laptop ad essere fisicamente rotto.

Dopo aver cercato le cause per strada e averle trovate in un nanetto di 3 anni e mezzo decido che il giorno dopo avrei portato il laptop dal mio negozio cinese aggiusta-tutto di fiducia!

Intanto nella mia mente si instillava la domanda ..che fare ora?
Cosi tiro fuori il mio vecchio muletto e la mia fida USB che ha visto pià distro di distrowatch, con su pronta la iso di Antergos e via, installata la versione Xfce.

Voi direte e quindi? E quindi in barba a tutto vi elenco le caratteristiche del mio netbook!

Netbook Packard Bell DOT3S
Intel Atom N570 @ 4x 1.666GHz 64bit con GPU integrata intel
RAM: usata 646MiB / su  984MiB disponibile con firefox aperto.
Installata Antergos 64bit con XFCE.

Tutto ciò per dirvi e ricordarvi che a volte basta davvero poco per far girare un sistema GNU+Linux con un DE completo e bello graficamente, per gli amanti del minimalismo sono certo che un wm con OpenBOX sarebbe l’ideale!

Troppo spesso dimentichiamo che Linux nasce anche con l’intento di riutilizzare vecchio hardware e permettere di utilizzare con ottimi risultati anche macchine sottodimensionate come i netbook con Atom.

Distro che vi consiglio da provare sono Archbang Antergos con Xfce o OpenBox, Archmerge, Manjaro I3 o Lxtq/LxDE, busenlabs e infine Salentos (che ho usato con grande soddisfazione fino a poco prima che decidessi al passaggio totale alle Arch).

Come ultima considerazione, posso dire che sebbene non paragonabile al G6 con intel core i5… con la mia attuale configurazione è sicuramente totalmente utilizzabile, proverò una versione con OpenBox e i due gemelli LX nei prossimi giorni.

Nel frattempo… ricordatevi che un hardware non è mai troppo vecchio se ci gira GNU+Linux!