Cose da fare dopo aver installato Ubuntu 17.10

Quanto segue è una piccola guida che vi suggerirà cosa aggiungere a Ubuntu 17.10 subito dopo averlo installato.

Tengo a precisare che non esiste e mai esisterà un vero e definitivo “cosa installare dopo aver installato Ubuntu“.

Cisono utenti che preferiscono un approccio grafico al sistema, e quindi tenderanno ad installare tool grafici che andranno ad agevolare e semplificare (in linea di massima) le loro task quotidiane. Altri utenti invece, quelli che preferiscono un approccio piu “da terminale”, potrebbero non aver bisogno di questi consigli o di queste piccole aggiunte.

Per scoprirlo, non vi resta che continuare la lettura.

Aggiornare il sistema

Anche se l ‘installazione è fresca di pacco, e probabilmente avete scelto di effettuare gli aggiornamenti durante l’ installazione, il consiglio di controllare che ci siano ancora aggiornamenti disponibili è “cosa buona e giusta”.

Potete farlo in 2 modi:

  • tramite cli;
  • tramite software update

Nel primo caso, dovete aprire un terminale (Ctrl+Alt+T) e digitare quanto segue

sudo apt update && sudo apt upgrade

Se invece preferite un approccio grafico, cliccate sul tasto Super (si, quello con il logo di widows) e cercate “Software”

 

Abilitare i repository partner di Canonical

Nei repository di Ubuntu é gia presente di default una quantità di software notevole. Qualora vogliate aggiungerne ancora, soprattutto software di terze parti, abilitare i repo partner “è cosa buona e giusta”. Come sempre cliccate sul tasto Super e cercate “Software”

Una volta avviato il tool, spostatevi sulla scheda Altro software e spuntate la voce Canonical Partner.

Inserite la password di root ed una volta completato il processo, nuove applicazioni saranno disponibili dal software center.

Installare i codecs multimediali

Di default non sono presenti su ubuntsudo apt-get install ubuntu-restricted-extrasu alcune codecs come quelli che servono per  MP3, MPEG4 o per riprodurre file AVI. Semplicemente, aprire un terminale e:

sudo apt-get install ubuntu-restricted-extras

Fatto questo, godetevi pure i vostri file multimediali.

Installare software dal software center

Non c’è una vera e propria lista di software da avere, ma se vogliamo prendere in considerazione una lista di app che in qualche modo potrebbero essere “da avere” citerei magari le seguenti:

  • VLC media player
  • GIMP – per grafica e fotoritocco
  • Shutter – tool per effettuare screenshots
  • Calibre – per gestire i vostri eBook
  • Chromium Browser
  • Kazam Screen recorder
  • Gdebi – per inszallare pacchetti -deb

L’ interfaccia del GNOME Software center si presenta intuitiva e piacevole

Se invece siete console addicted, inutile dirvi che sudo apt install <nome_programma> is the way.

Ubuntu Tweak per un look and feel migliore

Ubuntu 17.10 userà GNOME3 come DE predefinito (il che è la grossa novita di questa release).  Con gnome tweak tool vi sara’ possibile cambiare il set di icone, il tema GTK, e le impostazioni della dock and many more.

Per installarlo, semplicemente da terminale

sudo apt install gnome-tweak-tool

Una volta installato, potete gestire come detto appena poco fa, temi, icone ed altre sfaccettature del sistema.

Conclusioni

Ringrazio IT FOSS per la stesura originale dell’articolo e vi chiedo: che software siete soliti installare per completare un fresh install di Ubuntu?

Scrivetecelo pure nei commenti

Son of 1985, Systemadmin and Open Source inside