remove_red_eye Modalitá lettura

🔧 #howto #ChromeOS – Il parco software

Problemi con questa guida? Chiedi supporto alla nostra community su Domande & Risposte

In questo articolo

  1. Le fonti
  2. Integrazione e supporto

Come possessore di un Chromebook da quasi un anno, spesso mi trovo a rispondere a domande anche troppo scontate. Ad esempio fra le piú comuni: Posso vedere Netflix o ascoltare Spotify? E Chromecast?

Questo articolo é parte di una serie denominata #howto #ChromeOS. Consiglio la lettura dei precedenti articoli, vai al precedente.

Spesso si cade nell’errore di valutare ChromeOS ed i Chromebook in particolare, come macchine limitate dalla dipendenza degli applicativi web e, altrettanto spesso, dalla mancanza di un parco software vasto. Si tratta ovviamente di un errore. Il parco software di ChromeOS é al momento il piú vasto al mondo.

Il sistema operativo “ibrido” di casa Google é l’unico, al momento in grado, di garantire la presenza di un applicativo per qualsiasi necessitá.

Le fonti

Ad oggi i Chromebook vantano l’accessibilitá al piú vasto parco software al mondo. Questo é reso possibile dall’unificazione delle quattro piú grandi librerie di software al mondo, infatti ChromeOS é in grado di eseguire senza intoppi software disegnato per:

  • Android
  • Linux
  • Windows
  • Web

Grazie all’integrazione del sistema Arc di Google, uno strumento in grado di far coesistere Android con ChromeOS, integrandolo col sistema stesso, é possibile eseguire appunto qualsiasi applicazione Android sul Chromebook. Queste applicazioni non vengono solo eseguite ma grazie all’adattamento del SDK Android, quasi tutte le applicazioni vengono adattate perfettamente su desktop, intersecandosi alla perfezione con l’interfaccia di sistema.

Un esempio di app Android su Chromebook é Evernote

Per anni Linux ha sognato il parco software di Windows, o meglio i suoi utenti l’hanno sognato. Negli ultimi anni il fenomeno dell’improvvisa crescita di Linux nel mondo desktop, ha permesso a grandi marchi di concentarsi sulla distribuzione dei loro software su questo sistema, rendendo tutt’altro che scadente il parco software Linux.

Grazie al progetto Crostini di Google e Crouton, ChromeOS ha accesso a tutto il parco software Linux. Le applicazioni girano tramite appositi container ottimizzati e garantiscono il corretto funzionamento e interfacciamento con l’hardware di sistema.

Come esempio di applicativo Linux (tramite Crouton) su ChromeOS, ecco Visual Studio Code

Da diversi anni Google collabora con CrossOver, il noto software per l’esecuzione di software Windows su sistemi Linux. Quasi un anno fa é stato reso pubblico CrossOver per ChromeOS, uno strumento in grado di installare software Windows completo di tutte le dipendenze necessarie. Gli applicativi si interfacciano direttamente con gli strumenti di sistema, tanto da poter selezionare applicativi Windows come software di sistema predefinito. I tempi di caricamento sono pressoché nulli ed il rilevamento dell’hardware di sistema é a 360 gradi.

Notepad++ gira tramite CrossOver ed é installabile con 1 click

Ultimo in questa lista ma non per difetto, gli applicativi Web (Chrome Apps, PWA, Web apps) costituiscono uno dei piú grandi parchi software al mondo. Disponibili per qualsiasi sistema, trovano maggior supporto su ChromeOS grazie alle tecnologie appositamente studiate per le PWA (Progressive Web Apps). ChromeOS é in grado di eseguire applicativi web ottimizzati offline, permette loro di comunicare direttamente col sistema e le impostazioni. I tempi di caricamento sono pressoché inesistenti, una volta salvata in cache é possibile riutilizzarla in qualsiasi momento senza attesa e connessione, anche riavviando il dispositivo.

Spotify gira su Chromebook via PWA oltre che Android app, Linux app e Windows app

Integrazione e supporto

ChromeOS ad oggi offre supporto al maggior numero di periferiche al mondo fra stampanti, scanner, fotocamere, dispositivi di archiviazione ecc..

Vasto é anche l’indice di funzionalitá con cui viene distribuito il sistema, principalmente vale citare:

  • Multi-schermo e Mirror
  • Chromecast
  • Supporto al tocco con o senza pennino (con o senza livelli)
  • Recupero della sessione
  • Comunicazione con lo smartphone Android
  • Sincronizzazione nel cloud
  • Antivirus integrato alla radice

ChromeOS é una distribuzione derivata da Gentoo, seppur c’é chi vede il prodotto in se come qualcosa di astratto, diverso da Linux, di per sé é una distribuzione Linux, la migliore a paritá di funzioni, praticitá e software ad oggi.

Nei prossimi articoli tratteremo argomenti su ChromeOS come:

  • Modellazione 3D
  • Disegno/Vettoriale
  • Intrattenimento
  • Shell

Per dubbi e chiarimenti lasciate un commento.

 – Mirko


info Il contenuto di questo articolo é libero alla condivisione, a patto che venga citata la fonte (linuxhub.it)


chat Discuti questo articolo con
help /gentedilinux
chromeos